consigli per gli acquisti, COSE DA DONNA, COSE DA MAMMA, faccende di casa, NEWS/TENDENZE, shopping, moda, tendenze

Iniziative ecosostenibili!

Quando ho scritto l’articolo riguardo al cambio di stagione, vi ho suggerito di “eliminare” tutti quei capi che non utilizzate, ma capisco che per molti può non essere facile. Perché? Perché a volte si tratta di capi a cui si è affezionati, di regali che ci dispiace buttar via, di cose acquistate per sbaglio ma che ci sono costate care, o magari cose che non abbiamo mai usato per svariati motivi.

ripped-2486950_640

Insomma, i capi da “eliminare” sono tutti quei pezzi fuori moda, fuori taglia, che non ci piacciono, consumati o mai usati, ma che non useremo mai.

Non so se molti di voi lo sanno, o se già hanno aderito, ma ci sono diverse iniziative per così dire… ecosostenibili, che trovo siano un’idea intelligente per riciclare anziché buttare tutto ciò che vogliamo eliminare dall’armadio.

Swap Party!

L’idea degli Swap Party arriva ovviamente dall’America, ma soprattutto nelle grandi città, ha già preso piede. Si può partecipare a Swap Party di medie dimensioni, organizzati da terzi, oppure si può pensare di fare piccoli Swap Party in casa propria, con amiche e conoscenti.

Di cosa si tratta? Di barattare i vestiti (e gli accessori) che noi non utilizziamo ma che possono essere ancora utilizzati da qualcun altro.

Ogni Swap Party è organizzato in modo diverso, c’è chi da un punteggio ai capi e lo traduce in “gettoni” da utilizzare per “acquistare” i capi degli altri, e chi invece preferisce lasciare ai partecipanti al libertà di scambiarsi liberamente le cose facendo un vero e proprio baratto a 4 occhi. Un giorno ve ne parlerò nello specifico, dato che ne ho organizzati diversi!

Campagna H&M

H&M, famosa catena di abbigliamento, propone già da diversi anni un’iniziativa ecocostenibile che permette di riciclare abiti inutilizzati in cambio di un buono spesa. Non bisogna far altro che portare un sacco di abiti che volete eliminare dall’armadio e in cambio vi verrà dato un cartoncino con data di scadenza che vi permette di avere 5€ di sconto su una spesa minima di 40€ (questo ve lo dico per esperienza, ma potrebbero essere variate le cose).

Cosa ne fa H&M dei nostri vecchi abiti? Dipende. I capi in buone condizioni verranno trattati come capi di seconda mano; dei capi non più utilizzabili invece verranno riciclo le fibre tessili. Altri capi potrebbero essere recuperati e riutilizzati anche parzialmente per realizzare oggetti di vario tipo (prodotti per pulire, isolanti ecc.). Infine se non vengono usati per questi scopi, gli abiti vengono trasformati in fonte di energia.

OVS come H&M

Anche OVS propone la sua campagna di recupero di abiti usati. E anche in questo caso, portando un sacco di capi che non utilizziamo più, riceviamo un buono di 5€ valido (in negozio e on-line) 6 mesi dal giorno di emissione, per almeno 40€ di spesa (sulle nuove collezioni).

OVS accetta qualsiasi tipo di capo, ad eccezione di scarpe e intimo.

Anche nel caso di OVS, i capi che possono ancora essere indossati (dopo accurato trattamento) vengono riproposti sul mercato come capi di seconda mano, altrimenti vengono riutilizzati per realizzare altri oggetti, vengono riciclate le loro fibre tessili oppure vengono convertiti in energia.

Intimo? Da Intimissimi!

Se avete intimo, pigiami o maglieria da buttare via, portateli da Intimissimi, vi verrà dato in cambio un voucher. Come funziona? Porti 5 capi e ti verrà inviato via e-mail o via SMS un voucher di 5€.

Condizioni:

1) essere possessori di My Intimissimi Card (se non ce l’avete potete farvela fare sul momento);

2) i voucher sono cumulabili e possono essere usati in qualsiasi negozio Intimissimi o Intimissimi Uomo;

3) il  valore del singolo voucher o degli n° voucher che si desidera utilizzare non potrà superare il 20% del valore dello scontrino (verranno tenuti in considerazione solo gli acquisti a prezzo pieno).

4) i voucher hanno una scadenza (chiedere in negozio).

Io non ho ancora provato, ma dato che ho diversi reggiseni da eliminare, penso che ne approfitterò presto!

Spero di essere stata utile per tutti coloro che ancora non conoscevano o ancora non hanno avuto modo di partecipare a queste iniziative.

Ricordo inoltre che, qualora lo desideriate, è possibile mettere i sacchi di abiti usati negli appositi bidoni per indumenti, presenti in tutte le città italiane. Ce ne sono di vario tipo, destinati alla Caritas e ad Humana, quest’ultima in parte riutilizza gli abiti donandoli a persone disagiate di Africa e Europa e in parte ricicla per ottenere nuova fibra (su internet trovate tutte le info dettagliate).

Nel prossimo articolo invece parleremo di come recuperare capi danneggiati ma che vorremmo ancora riutilizzare, facendo quello che in gergo si chiama REFASHION!

Passo e chiudo!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...